Loading...
Oriente
Tiziano Terzani

La Fondazione Cini ha acquisito la Biblioteca personale di Terzani:6.000 volumi su Giappone, Cina, India e Indocina arricchiranno la biblioteca del Centro Studi di Civiltà e Spiritualità Comparate

Nel 2012 il patrimonio librario della Fondazione Cini si arricchisce della biblioteca personale di un altro importante personaggio della cultura italiana contemporanea con lo scopo di valorizzarne lo studio e diffonderne il pensiero: Tiziano Terzani. La biblioteca personale di Terzani, composta da circa 6.000 titoli raccolti nell’arco di una vita, comprende volumi di storia, di storia della cultura dei paesi orientali, di arte e molti reportage di viaggiatori occidentali, offrendo una buona panoramica di quanto prodotto da occidentali in viaggio in Oriente, intendendo con Oriente le repubbliche ex sovietiche, il Giappone, la Cina, l’India e la penisola indocinese.

“I volumi che Tiziano ha raccolto nell’arco della sua vita – afferma la moglie Angela Terzani Staude – erano tutto per lui perchè i libri non si limitava a comprarli ma li recuperava dagli antiquari, ai mercati di ogni villaggio; li cercava e li custodiva con cura: dietro ogni titolo c’è una storia. Mi ha sempre detto che dopo la sua morte avrei potuto lasciarli a chi volevo ma avrei dovuto mantenerli tutti insieme. Quando ho visto la Biblioteca della Nuova Manica Lunga ho capito che la Fondazione Cini era il posto giusto per accoglierli”.

I circa 6.000 volumi andranno a far parte della biblioteca del nuovo Centro Studi di Civiltà e Spiritualità Comparate: a fine mese arriveranno i primi 2.000 titoli dedicati a Cina e Giappone.

Venezia è sempre stata un ponte tra l’Oriente e l’Occidente – afferma Pasquale Gagliardi, Segretario Generale della Fondazione Giorgio Cini – e in questo contesto la donazione Terzani trova la sua migliore collocazione poichè si potrà trasformare in uno strumento prezioso di promozione dello studio delle civiltà dell’India e dell’Estremo Oriente, oltre che di dialogo tra  popoli, civiltà e religioni diverse”.

Alla vicenda umana, artistica e professionale di Tiziano Terzani è stato dedicato un Convegno Internazionale di Studi dal 31 maggio al 1 giugno 2012

2012 dal titolo Tiziano Terzani: ritratto di un connaisseur, iniziativa realizzata con il contributo della Casa Editrice Longanesi che vuole indagare a tutto tondo la figura di Terzani tracciandone un profilo libero dai pregiudizi e dai cliché. Il Convegno, a cura di Àlen Loreti, si articolerà in cinque sessioni dedicate alle fasi lavorative e di vita di Terzani (scrittore, giornalista, esploratore, spiritualista, idealista) alle quali interverranno le persone che lo hanno a vario titolo conosciuto e stimato, come: Adelchi Battista, Mauro Novelli, Carmen Lasorella, Franco Contorbia, Vincenzo Cottinelli,  Silvia Zangrandi, Federico Fubini, Eraldo Affinati, Gian Carlo Calza, Alberto De Maio, Silvano Nistri, Ekkehart Krippendorff, Giuliano Amato, Michael Jaeger, Gherardo Colombo.