Loading...
Eventi
Rassegna Lyda Borelli diva cinematografica

Venezia

Nell’ambito delle attività legate alla riscoperta della figura di Lyda Borelli, l’Istituto per il Teatro e il Melodramma organizza la rassegna Lyda Borelli diva cinematografica: un ciclo di proiezioni che documenta l’influenza che la diva, già celebre primadonna dei palcoscenici nazionali e internazionali, ha avuto nell’ambito del cinema di inizio secolo.

Il 4 settembre presso le Sale Apollinee del Teatro La Fenice, verrà proiettata la pellicola Rapsodia satanica (Nino Oxilia, 1917), nella versione restaurata dalla Fondazione Cineteca Italiana; il film sarà accompagnato da un trio che eseguirà le musiche di Pietro Mascagni e introdotto da Matteo Pavesi.

Gli appuntamenti successivi, realizzati in collaborazione con La Casa del Cinema – Videoteca Pasinetti, documentano l’ascesa di Lyda Borelli verso le più alte vette della sua carriera di attrice e diva cinematografica.
Il ciclo si inaugura il 19 settembre con Ma l’amor mio non muore!, prima interpretazione cinematografica della diva, diretta da Mario Caserini nel 1913; introdurranno Maria Ida Biggi e Carlo Montanaro.

Il 21 settembre sarà la volta di Malombra, con la regia di Carmine Gallone, film del 1917; presenterà la pellicola Cristina Jandelli.

Il terzo  appuntamento sarà dedicato a Carnevalesca, pellicola del 1918 diretta da Amleto Palermi e costruita secondo i più classici canoni del “diva film”; la conferenza introduttiva, nella giornata del 22 settembre, sarà a cura di Denis Lotti.

La rassegna si conclude mercoledì 8 novembre, presso la Sala Carnelutti della Fondazione Giorgio Cini, con la proiezione in una versione inedita della pellicola La memoria dell’altro, diretta da Alberto Degli Abbati nel 1913. Caratterizzato da bellissimi esterni veneziani, il film è un grandissimo successo anche grazie al personaggio interpretato da Lyda Borelli: una donna emancipata, appassionata di volo e di motori, ma anche seducente danzatrice e donna fatale.


 

Nell’immagine Lyda Borelli in Rapsodia satanica, 1917