Loading...
Saggi
La fienagione nelle prealpi venete

Giovanni Tomasi, Giuseppe Grava (a cura di)

ISBN: 88 7305 726 8
Anno: 1999
Editore: Editore Neri Pozza, Vicenza

Questo saggio conclude una ricerca durata dieci anni (1988-98) e segue
e completa altre indagini di carattere lessicale ed etnografico che in
questi ultimi venti anni abbiamo svolto nel Veneto settentrionale.
In questo periodo abbiamo potuto assistere alla fine di un’epoca, al
disgregarsi e sparire di quella civiltà contadina che per millenni è
stata la base dell’esistenza delle popolazioni di questa zona. Sono
scomparse tecniche agricole più o meno primitive, oggi sostituite da
moderne tecnologie; abitati rurali ed antiche costruzioni hanno
lasciato il posto a villette moderne o a tipologie costruttive che di
solito nulla hanno salvato dell’edilizia tradizionale; i fienili sono
stati sostituiti dai garage. Tutto ciò è visibile ovunque: qui
ricordiamo (ma è solo uno fra i tanti esempi) Santa Croce e Farra
d’Alpago.
Materiali locali come legno e pietra risultano stravolti da
importazioni da continenti più o meno lontani; ramaglie, canne palustri
e laste di pietra sono state abbandonate in favore di materiali meno
naturali ma più funzionali.
Non visibile ma riscontrabile è invece la perdita del dialetto, che
muore con i cambi di tecnologia, l’abbandono delle attività
tradizionali e la scomparsa delle vecchie generazioni.
Un tempo ogni oggetto o utensile aveva il proprio nome, oggi solo nomi
generici o perifrasi identificano oggetti dall’effimera vita
lavorativa. Un contadino anziano possiede (o forse meglio possedeva) un
patrimonio lessicale più articolato, funzionale e ricco dei propri
figli o nipoti. Qui ricordo (ma anche questo è solo un esempio) che
venti anni fa a Revine era noto il termine postòk (terreno non più
coltivato), che oggi nessuno più conosce. Questa civiltà contadina,
fatta fra l’altro di utensili antichi e parole millenarie, povera ma
completa e solida, è stata sostituita da qualcosa che non si sa ancora
cosa sia, da mode fugaci, da simboli effimeri e da impensabili
ricchezze, tutte cose che non riempiono il vuoto lasciato dal
disgregarsi dell’antico modo di vivere.
La vita oggi è più facile e comoda, ma ciò non ha comportato un aumento
della felicità, mentre la scolarizzazione globale e i mass media non
hanno creato una cultura che possa essere tramandata.

INDICE

Giovan Battista Pellegrini
Presentazione

Premessa del raccoglitore

La Fienagione nelle prealpi venete
Etnologia ed Etimologia

Gli attrezzi della fienagione
I lavori della fienagione
Il trasporto del fieno
Il fienile e la mangiatoia

Atlante
I colori del fieno

Ringraziamenti
Punti d’indagine e informatori
Indice dei concetti
Indice degli appellativi segnalati
Indice delle tavole
Bibliografia essenziale

Per informazioni
e-mail: ufficio.editoriale@cini.it