Loading...
P. Multimediali
Liriche da camera di Ottorino Respighi I

Ottorino Respighi

Anno: 2007
Editore: Edizioni Stradivarius, Milano

Ottorino Respighi (1879-1936)

Quattro liriche (1920) dal Poema paradisiaco di Gabriele D’Annunzio (1892)

  1. Un sogno
  2. La naiade
  3. La sera
  4. Sopra un’aria antica

La donna del sarcofago (1919)
lirica di Gabriele D’Annunzio (dal Poema paradisiaco)

La statua (1919)
lirica di Gabriele D’Annunzio (dal Poema paradisiaco)
Il tramonto (1914) (poemetto lirico di Percy Bysshe Shelley, traduzione di Roberto Ascoli)

Cinque liriche (1917)

  1. I tempi assai lontani (Percy Bysshe Shelley, traduzione di Roberto Ascoli)
  2. Canto funebre (Percy Bysshe Shelley, traduzione di Roberto Ascoli)
  3. Par les soires (da “L’Hymnaire d’Adonis” di Jacques de Fersen)
  4. Par l’étreinte (da “L’Hymnaire d’Adonis” di Jacques de Fersen)
  5. La fine (da “Luna crescente” di Rabindranath Tagore, traduzione di Clary Zannoni Chauvet)

Quattro liriche su parole di poeti armeni (1921)

  1. No, non è morto il figlio tuo (Antica poesia popolare armena)
  2. La mamma è come il pane caldo (Antica poesia popolare armena)
  3. Io sono la madre (Costant Zarian)
  4. Mattino di luce, sole di giustizia (Shnorhali Nersès, XIII secolo)

Marta Moretto, mezzosoprano
Aldo Orvieto, pianoforte

Per informazioni
e-mail: ufficio.editoriale@cini.it