Loading...
News
NUOVE PLAYLIST DELL’IISMC SU YOUTUBE

NUOVE PLAYLIST DELL’IISMC SU YOUTUBE: OLTRE 140.000 VISUALIZZAZIONI

Negli ultimi mesi, con la creazione di tre playlist, l’IISMC ha riconfigurato e potenziato la propria offerta di video sul canale YouTube della Fondazione Giorgio Cini: un nuovo spazio interamente dedicato alla divulgazione della documentazione audiovisiva prodotta e curata dall’Istituto raggiungibile cliccando sulla icona di YouTube nella pagina iniziale del sito della Fondazione, oppure direttamente all’indirizzo:

https://www.youtube.com/playlist?list=PLfxAcbSlhgNYm86ud5bBRxZhKQZnfTQxm.

Il materiale proposto attraverso le playlist, curate da Simone Tarsitani, in costante aggiornamento e ampliamento, consiste in una selezione di estratti riguardanti alcuni tra gli eventi organizzati dall’Istituto negli ultimi anni: concerti e spettacoli – affidati a interpreti di riconosciuto prestigio – dedicati alle tradizioni e alle culture musicali extra-europee e, più in generale, di tradizione orale. Vi si trovano video di musiche cinesi, coreane, armene, greche, albanesi, indiane, indonesiane, croate, così come cantastorie siciliani e pratiche musicali contemporanee, con un’attenzione anche alla danza,

La playlist generale, “Istituto Interculturale di Studi Musicali Comparati”, contiene tutto il materiale già elaborato, consistente finora in 27 estratti video (ma altri otto sono già pronti). Si tratta di una iniziativa di grande successo e di forte impatto che consente di far conoscere ad un pubblico più vasto di quello che frequenta le iniziative dell’IISMC a San Giorgio. Ad oggi (aprile 2016) le visualizzazioni di questi video superano la cifra di 140.000 e sono in costante crescita.

Coerentemente con la finalità didattica e informativa propria dell’IISMC, volta a una divulgazione sintetica ma corretta dal punto di vista scientifico, ogni estratto video è corredato da un testo che fornisce informazioni essenziali sul brano o sulla sequenza contenuta nel video (titolo, esecutori, generi e repertori di riferimento, strumenti suonati e tecniche esecutive impiegate), permette di inquadrarlo nel contesto culturale di appartenenza e rinvia al contesto, anche di ampie collaborazioni istituzionali, nel quale si è svolto l’evento documentato. Al fine di favorire il raggiungimento di una platea potenzialmente più vasta di fruitori, i testi sono stati redatti in inglese.

Sono state create inoltre tre playlist dedicate a temi specifici:

  • la playlist “IISMC – East Asia” contiene 8 video che documentano le culture musicali dell’Asia orientale, con particolare attenzione alla musica cinese, a cui negli ultimi anni sono stati dedicati diversi cicli di incontri in collaborazione con il dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa mediterranea dell’Università Ca’ Foscari.
  • la playlist “IISMC – Musical Liturgies” contiene 4 video che documentano alcuni dei concerti che l’Istituto ha dedicato negli ultimi anni alla preghiera cantata in, aventi diverse tradizioni musicali ecclesiastiche dell’Oriente cristiano;
  • la playlist “IISMC – Southeast Asia” comprende 5 video su musica, danza e teatro di diverse zone dell’Indonesia.
  • Si prevede di creare nell’immediato futuro anche altre playlist dedicate ad approfondimenti tematici, sia areali, sia di particolari forme del fare musica: tra le prime, quelle rivolte all’India, alle polifonie, all’Africa, all’Italia e alle pratiche musicali contemporanee.