I rami smaltati detti veneziani del Rinascimento italiano 

A cura di Istituto di Storia dell'Arte

I rami smaltati detti veneziani del Rinascimento italiano
Les cuivres émaillés dits vénitiens de la Renaissance italienne
Atti del convegno internazionale di studi / Actes du colloque international d’études
a cura di Françoise Barbe, Letizia Caselli e Isabelle Biron
Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2019

 

Tra le arti decorative del Rinascimento italiano, i rami smaltati costituiscono una produzione tanto rara quanto preziosa, tradizionalmente attribuita a Venezia, riflesso del gusto di una ricca committenza della fine del XV e della prima metà del XVI secolo. Questa pubblicazione propone una sintesi della ricerca interdisciplinare condotta dal département des Objets d’art du musée du Louvre, dal Centre de Recherche et de Restauration des Musées de France e dalla Fondazione Giorgio Cini.
Il primo volume contiene gli Atti del convegno organizzato alla Fondazione Giorgio Cini e si sviluppa in funzione di quattro assi principali: il contesto della produzione nei secoli XV e XVI; le collezioni e il collezionismo dal XVII al XIX secolo; gli apporti della scienza alla conoscenza della loro tecnologia; la conservazione e il restauro.

 

Il secondo volume si concentra sulle opere stesse e propone lo studio del decoro delle dorature, l’analisi araldica, il lessico e l’analisi tipologica delle forme. Inoltre, a complemento degli Atti del convegno, viene qui proposto l’inventario dei rami smaltati detti veneziani conservati nelle collezioni pubbliche e private, compilato dal département des Objets d’art du musée du Louvre e che contiene a tutt’oggi trecentotrentaquattro oggetti identificati. Un’impresa colossale, resa possibile grazie al sostegno di un centinaio di istituzioni museali e religiose, ma anche di antiquari, di case d’asta e di collezionisti privati.