Loading...
Eventi
Glass Tea House Mondrian by Hiroshi Sugimoto

Venezia, Le Stanze del Vetro

The Glass Tea House Mondrian
©Hiroshi Sugimoto+New Material Research Laboratory.
Courtesy of Le Stanze del Vetro.
Sponsored by Sumitomo Forestry and Fondazione Bisazza.


L’artista giapponese Hiroshi Sugimoto realizza la sua prima opera architettonica a Venezia per Le Stanze del Vetro sull’Isola di San Giorgio Maggiore.

Il  6 giugno 2014, sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia nell’ambito delle attività organizzate da Le Stanze del Vetro, apre al pubblico “Glass Tea House Mondrian”, un padiglione temporaneo realizzato dall’artista e fotografo giapponese Hiroshi Sugimoto. Conosciuto in tutto il mondo per i suoi scatti in bianco e nero, Sugimoto per la prima volta a Venezia progetta una struttura architettonica.

“Glass Tea House Mondrian” è prodotto da Le Stanze del Vetro – progetto congiunto di Fondazione Cini e Pentagram Stiftung – con il sostegno di Sumitomo Forestry Co. Ltd., e Fondazione Bisazza, e in collaborazione con Asahi Building-Wall Co. Ltd. Un ringraziamento particolare è rivolto allo studio Cattaruzza Millosevich Architetti Associati per aver seguito ogni fase della progettazione e
realizzazione di questo padiglione.

In concomitanza con la “Glass Tea House Mondrian”, la Fondazione Bevilacqua la Masa nella sede di Palazzetto Tito a Venezia dedica a Hiroshi Sugimoto un’antologica inedita di fotografie dedicate all’architettura: la rassegna, insieme al progetto de Le Stanze del Vetro, farà di questo assoluto protagonista internazionale e del suo impegno verso l’ambiente costruito un punto chiave della stagione veneziana, in armonia con la nuova configurazione ampliata della Biennale Architettura.
L’opera “Glass Tea House Mondrian” costituisce una iniziativa nuova rispetto a quelle presentate finora da Le Stanze del Vetro, allargando gli orizzonti del progetto e coinvolgendo artisti di fama internazionale nel progettare padiglioni o installazioni per il giardino antistante Le Stanze del Vetro, sul modello delle Pavilion Series della Serpentine Gallery di Londra.
“Glass Tea House Mondrian” di Hiroshi Sugimoto si ispira alla tradizione giapponese della cerimonia del tè, così come è stata riformata dal maestro Sen no Rikyû. Il padiglione si compone di due elementi principali, uno allo scoperto e uno al coperto.

Gli utensili che verranno utilizzati per la cerimonia del tè sono disegnati da Hiroshi Sugimoto e prodotti da artigiani di Kyoto.
La struttura flessibile del padiglione e la sua natura temporanea, permetterà inoltre di trasformare quello spazio, finora inutilizzato, in un luogo polivalente, capace di ospitare incontri e dibattiti, e incoraggiare i visitatori a determinare liberamente la propria esperienza con il padiglione. L’innovazione della “Glass Tea House Mondrian” risiede nella sua capacità di suggerire uno spazio per esporre ed esperire l’architettura, dove il padiglione stesso diventa l’esposizione – innovazione alla quale si aggiunge l’autonomia dell’artista di proporre un tema e un progetto, libero da vincoli ma anzi aperto alla possibilità di sperimentare con le forme, il luogo, le tecnologie costruttive e materiali all’avanguardia.
Nella cornice dell’Isola di San Giorgio Maggiore, la “Glass Tea House Mondrian” di Sugimoto acquista anche una valenza simbolica incoraggiando il visitatore a interagire liberamente con il luogo, e richiedendogli altresì di ricercare il giusto e personale equilibrio tra l’artificio architettonico e l’ambiente naturale che lo
circonda.
“Glass Tea House Mondrian” costruisce un dialogo forte tra interno ed esterno, natura e artificio, chiuso e aperto, leggero e pesante, acqua e terra, un rapporto che si traduce nell’utilizzo del legno proveniente dal Giappone – per il percorso esterno –, del mosaico – per la vasca d’acqua – e del vetro – per il luogo deputato all’esperienza della tradizione giapponese.
La struttura esterna è interamente costruita in legno di cedro proveniente dal Giappone, e realizzata dall’azienda Sumitomo Forestry Co. Ltd. Scelta da Hiroshi Sugimoto per l’impegno dimostrato nel contribuire alla ricostruzione delle aree devastate dal terremoto e dallo tsunami del Tōhoku del 2011, il contributo della Sumitomo Forestry è stato fondamentale nella costruzione della “Glass Tea House Mondrian” e del recinto esterno, che si ispira volontariamente al Santuario di Ise. Questo progetto, senza l’aiuto della Sumitomo Forestry sarebbe stato impossibile da realizzare. Sumitomo Forestry è un’azienda che ha fatto dell’utilizzo del legno per costruzioni residenziali e non (come scuole o strutture ospedaliere) uno dei suoi punti di forza, dimostrando le potenzialità architettoniche di questa risorsa naturale, una fonte rinnovabile e con impatto zero sull’ambiente.
La vasca d’acqua, che accompagna il visitatore al punto finale del padiglione e dunque anche al suo culmine, è realizzata grazie alla collaborazione con Fondazione Bisazza. L’omonima azienda, con sede a Vicenza, è specializzata nella produzione di mosaico di vetro per soluzioni d’interni ed esterni.
Il cubo di vetro, infine, è opera dell’azienda Asahi Building-Wall Co. Ltd, leader nella progettazioni di strutture architettoniche in vetro e in soluzioni ingegneristiche nella costruzione di facciata in vetro o componenti strutturali di edifici.
Anche per questo progetto continuano le attività didattiche e le visite guidate organizzate da Le Stanze del Vetro e curate da Artsystem. Tutte le proposte didattiche sono gratuite, prenotabili al numero verde 800 662 477 (dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 17.00) o inviando una email a: artsystem@artsystem.it
—————————————————————————————————————————————

Da Glass Tea House Mondrian al Museo d’Arte Orientale di Venezia

LE STANZE DEL VETRO in collaborazione con con il Museo d’Arte Orientale di Venezia e l’Università Ca’ Foscari, Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea, presenta una rassegna di incontri per la valorizzazione e divulgazione della cultura del tè in Giappone.

Da aprile a luglio si succederanno una serie di appuntamenti che metteranno in comunicazione in particolare due luoghi: il padiglione temporaneo Glass Tea House Mondrian nell’Isola di San Giorgio maggiore, opera di Hiroshi Sugimoto, e il Museo d’Arte Orientale di Venezia.

Le iniziative del progetto didattico culturale saranno rivolte ad adulti e ragazzi e coinvolgeranno anche alcuni Istituti Superiori e Universitari della città.

Nel mese di maggio:

Museo d’Arte Orientale Ca’ Pesaro, Santa Croce 2076, Venezia

domenica 3 maggio ore 15.00 e ore 15.30 La cultura del tè in Giappone: porcellane e lacche della collezione Bardi visita guidata a cura di Severina Bortolato

Ingresso libero su prenotazione fino a esaurimento posti, scrivendo ad artsystem@artsystem.it o telefonando al numero verde 800 662 477 (lunedì-venerdì 10-17)

Glass Tea House Mondrian di Hiroshi Sugimoto Le Stanze del Vetro, Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia

sabato 9 maggio Cerimonia del tè a cura di So’oku Sen della Mushakoji-Senke Tea School (Cerimonia riservata agli studenti degli Istituti Superiori e Universitari aderenti al progetto)

Sono disponibili fino al 30 novembre 2015 visite guidate gratuite su prenotazione scrivendo ad artsystem@artsystem.it

o

telefonando al numero verde 800 662 477 (lunedì-venerdì 10-17)