ARCHiVe per FONTI 4.0 - Fondazione Giorgio Cini Onlus

ARCHiVe per FONTI 4.0

Isola di San Giorgio Maggiore
plus MAG, 01 2020

Il progetto Fonti 4.0, nato in seno al Centro di Sonologia Computazionale dell’Università degli Studi di Padova, finanziato con risorse a valere sul Programma Operativo Regionale cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo 2014-2020 di Regione del Veneto, condiviso con la Fondazione Cini, con il laboratorio di Digital Humanities del Politecnico di Losanna (EPFL) e con Mind@ware srl, si propone di realizzare strumenti innovativi per l’analisi, la fruizione e la valorizzazione di documenti sonori storici.

Numerosi enti pubblici e privati del territorio conservano questa tipologia di materiale che, per l’obsolescenza tecnologica e per il degrado dei supporti, rischia di non venire opportunamente conservata e trasferita alle nuove generazioni; d’altro canto, anche l’ascolto o lo studio di ore e ore di registrazione non è certamente sostenibile in termini di tempo. Fonti 4.0, infatti, si pone l’obiettivo di automatizzare le diverse fasi operative di analisi e ricerca attraverso algoritmi di intelligenza artificiale, fondendo le competenze tecnologiche con le sensibilità umanistiche necessarie vista la forte interdisciplinarietà dei numerosi archivi sparsi sul territorio.

Il ricco patrimonio di testimonianze e fonti orali conservate dalla Fondazione Cini (un migliaio di bobine e audiocassette) documenta il passaggio veneziano di numerose personalità della cultura, della civiltà e della politica italiana e internazionale; per gli obiettivi specifici del progetto in corso, la Fondazione Giorgio Cini ha messo a disposizione 4 bobine di un convegno tenutosi a San Giorgio nel 1959 dal titolo Cinema e Civiltà.

 

Per maggiori informazioni: http://csc.dei.unipd.it/fonti40

http://csc.dei.unipd.it/fonti40en/

https://www.facebook.com/FONTI-40

 

La collaborazione tra il Centro di Sonologia Computazionale di Padova e ARCHiVe

 

La Fondazione Giorgio Cini nel 2019 si è affidata al CSC per costituire il primo laboratorio per la digitalizzazione di nastri magnetici sull’Isola di San Giorgio Maggiore, presso il Centro ARCHiVe.

La collaborazione tra le due realtà ha inoltre reso possibile lo svolgersi di un corso di formazione specifica sui nastri magnetici (conservazione, digitalizzazione, descrizione) per il personale della Fondazione tenuto dal CSC,  nonché, nel 2020, la partecipazione del CSC alla formazione on-line di ARCHiVe, AOA – ARCHiVe Online Academy, con un corso interamente dedicato alla Conservazione di documenti sonori storici.