XLVII Corso Internazionale di Alta Cultura | Le risorse dell’essenziale

Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia
plus set, 1923 2022

Le parole che descrivono il mondo assumono nuovi contorni: i termini «globalizzazione» o «mondializzazione» hanno preso sfumature negative; pronunciate spesso con rassegnata passività, suscitano immagini di impotenza per il singolo individuo o lo sospingono verso un localismo difensivo che suscita l’illusione di «identità controllabili».

La guerra in Europa non è solo un arretramento culturale grave dell’umanità ma richiama altresì al censimento e salvaguardia dei valori primari, dall’energia al pane, di un’esistenza libera.

Si tratta dunque di convergere, nei vari ambiti disciplinari e sociali, verso l’“essenziale”;  non solo nel senso di ciò che è indispensabile, ma anche in quello – più importante – di ciò che conduce all’essenza, al nocciolo, di un problema, di un atteggiamento, di un valore. È un processo insieme logico ed etico, che riguarda tanto l’economia che l’ecologia, il pensiero e l’azione, il descrivere e il vivere. Può aprire a modi più incisivi di razionalità condivisa.

 

Lectio magistralis di:

Marco Alverà, autore di Hydrogen Revolution, imprenditore nell’energia, fondatore zhero.net

Luigino Bruni, Università di Roma, LUMSA

Paola Cattani, Università di Roma Tre

Francesco Dal Co, Professore emerito IUAV

Gabriele Lolli, Scuola Normale Superiore, Pisa

Carlo Ossola, Collège de France, Parigi, Direttore del Corso

Lucrezia Reichlin, London Business School

Rob Riemen, Nexus Instituut, Amsterdam

Jean-Marie Tarascon, Collège de France, Parigi

Valeria Termini, Università di Roma Tre

Olivier-Thomas Vénard, École Biblique et Archéologique française de Jérusalem

 

Scarica il programma

 


Per partecipare al convegno è necessario iscriversi al seguente form:

 

XLVII CIAC | Le risorse dell’essenziale